Main menu
Impronta EticaProgetti Coop Adriatica ProgettiPreventivo di sostenibilità 2009

Preventivo di sostenibilità 2009

Calmierare l’inflazione, contenendo soprattutto i prezzi dei prodotti alimentari di base, fronteggiare la crisi attraverso una politica di investimenti, incrementare l’occupazione e sostenere l’innovazione sotto il profilo imprenditoriale, sociale, ambientale. Sono i punti chiave del Bilancio preventivo di sostenibilità 2009 di Coop Adriatica, che ha chiuso positivamente il 2008. Infatti, Secondo le prime stime di preconsuntivo, nel 2008 Coop Adriatica ha registrato vendite in crescita, raggiungendo un fatturato di 1.924 milioni di euro (+2,43% rispetto al 2007). Nel 2009, quindi, si riproporranno i principali progetti a favore del territorio e delle comunità, come le iniziative C’entro anch’io contro l’esclusione sociale – e Ausilio per la spesa e Brutti ma buoni, il recupero a fini solidali degli alimenti invenduti, presente oggi in 50 pdv, sarà estesa ad altri sette. Inoltre, nelle aree in cui la Cooperativa è presente, proseguiranno gli accordi con gli enti locali per assicurare una spesa a prezzi particolarmente contenuti alle fasce più deboli della popolazione, come la Family Card del Comune di Bologna.

Misure per l’ambiente
Nel 2009, l’energia idroelettrica soddisferà il 12% dei consumi totali alimentando 5 ipercoop, mentre arriveranno a 25 i pdv dotati di pannelli fotovoltaici, e a 40 quelli illuminati con impianti a basso impatto ambientale. Proseguiranno gli interventi per il risparmio energetico e l’ecoefficienza, totalizzando minori consumi per 4,1 milioni di kilowattora. La chiusura dei banchi frigo dei surgelati, installati in un centinaio di pdv, consentirà di ridurre di 1.521 tonnellate le emissioni di anidride carbonica in atmosfera, e di risparmiare un quantitativo di energia pari ai consumi medi di 654 famiglie in un anno. L’impegno per la massima efficienza dovrebbe consentire di contenere i prezzi della spesa alimentare quotidiana rendendo possibili operazioni “convenienza”, come ad esempio, ogni settimana, scontare del 30% sei prodotti freschissimi (due di carne e quattro di ortofrutta). Infine, proseguirà il sostegno ai progetti internazionali per la lotta alla povertà.