Main menu
Impronta EticaNewsI risultati del progetto europeo SIFOR

I risultati del progetto europeo SIFOR

Sostenibilità e occupazione a partire dalla valorizzazione dei rifiuti.

Si è concluso il 31 ottobre SIFOR , progetto europeo che ha permesso alla regione Emilia Romagna di delineare in Italia un profilo professionale innovativo già presente in Francia e Belgio: il «Valorizzatore dei rifiuti». Un insieme di competenze nel riutilizzo dei rifiuti, per garantire ai futuri manager del settore green un migliore adattamento alle richieste del mercato del lavoro pubblico e privato.

Grazie alle attività di formazione in Belgio e Francia da parte di istituzioni, cooperative sociali e enti di formazione della Regione ER, stanno nascendo 3 network regionali di coop sociali e imprese europee sotto il marchio RESTARTER, per sperimentare su scala industriale e con nuove strategie di rete il riutilizzo dei rifiuti Tessili, Raee, Ingombranti.

Questo ha portato alle prime 12 assunzioni, di cui il 50% svantaggiate, con il recupero di circa 2000 t. di abiti usati. Nella Filiera RAEE si prevede a breve l’assunzione di 10/15 persone di cui almeno il 40% svantaggiate.

Sono partner di progetto: Regione Emilia Romagna capofila, Associazione ORIUS che ha coordinato il progetto, Università di Modena e Reggio Emilia, Associazione nazionale Atia Iswa, Envie – fondatore di una delle più estese reti di riutilizzo RAEE in europa, Rreuse – una rete che rappresenta 22 organizzazioni non profit di 11 paesi EU, Fondazione Trinijove che in Catalogna gestisce attività ambientali con persone svantaggiate, Fondazione Pestalozzi che cura in Romania attività formative per l’inclusione di persone svantaggiate.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del progetto Sifor.