Main menu
Impronta EticaProgetti Camst Progetti Coop Alleanza 3.0 Progetti IGD Siiq NewsHackathon “Waste 2 Value”: la challenge di Impronta Etica, Camst, Coop Alleanza 3.0, IGD

Hackathon “Waste 2 Value”: la challenge di Impronta Etica, Camst, Coop Alleanza 3.0, IGD

A vincere la challenge il progetto RePOD grazie alle sue capsule biodegradabili per concimare le piante domestiche realizzate con fondi di caffè e bucce di arancia.

Dal 7 al 9 giugno a Bologna, presso le Serre dei Giardini Margherita (Via Castiglione 13), si è tenuto l’hackathon “Waste 2 Value” all’interno di Agrogeneration Bologna, un format “evento” dedicato alla Sostenibilità dell’Agroalimentare con particolare attenzione al tema degli sprechi alimentari, promosso e organizzato da Future Food Institute.

Progettare, prototipare e realizzare soluzioni alternative per costruire un modello di economia circolare sul tema food all’interno di un Centro Commerciale. Questo il leitmotiv delle tre giornate dell’hackathon la cui challenge è stata delineata e coordinata da Impronta Etica insieme a Camst – La Ristorazione Italiana, Coop Alleanza 3.0 e IGD SiiQ.

L’hackathon ha rappresentato il primo di una serie di confronti con i portatori di interesse delle tre imprese, nell’ambito di un progetto di economia circolare che ha l’obiettivo di riportare nei cicli produttivi le materie che sono considerate “scarto” trasformandole in una risorsa.

La challenge dell’Hackathon – Come utilizzare rifiuti alimentari e altri scarti che altrimenti non troverebbero alcuna collocazione in filiere già avviate? – è stata vinta dal progetto “RePOD, proteggiamo le tue piante” che vuole usare i fondi di caffè e le bucce di arancia di scarto prodotte all’interno dei centri commerciali per realizzare delle piccole capsule 100% biodegradabili a lento rilascio per la fertilizzazione delle piante domestiche. In questo modo il cerchio della produzione e del consumo si chiude nei vasi dei singoli clienti.

I tre ragazzi vincitori, Tommaso Tota, Mattia Pagliuso e Paola Dileo si sono aggiudicati 1000 euro per la realizzazione dei primi prototipi e saranno invitati a partecipare all’edizione di Agrogeneration per il G7 dell’Agricoltura, a Bergamo il prossimo ottobre.